Bloomberg New Energy Finance ci dà una buona notizia, di quelle che si danno a fine anno quando si tirano le fila: l’energia prodotta da fonti rinnovabili, in particolare quella fotovoltaica, è  più conveniente del carbone in alcune economie mondiali emergenti (Cina, India, Brasile, Sud Africa, Cile e altre 54).
Paesi che, ad oggi, bruciano quel che possono, diciamo.
Tipo l’India, ricca di carbone e uno dei paesi piò popolosi al mondo dove una larga fetta di abitanti nemmeno ce l’ha l’elettricità. Il Paese si è impegnato però, in occasione di COP21, a ridurre le proprie emissioni di gas serra producendo il 40% dell’elettricità da fonti rinnovabili entro il 2030.
Capite bene che il fatto che ora costi anche meno del carbone è una bella svolta.

Laggiù i costi per costruire un impianto fotovoltaico si sono dimezzati rispetto a sei anni fa, e i prezzi dell’energia sono ulteriormente calati di un terzo.
In Cile, ad esempio, un megawattora costa 29 dollari (è il prezzo più basso in assoluto), ma in generale nelle altre aeree si aggira sui 50 dollari.
In Europa, dove invece godiamo degli strascichi della rivoluzione industriale, il carbone è ancora  parecchio e tristemente più conveniente, finché qualcuno non adotterà la carbon tax per aumentarne il prezzo e disincentivarne l’uso.

Ma non solo. Quando un pannello fotovoltaico viene costruito e assemblato, produce una certa quantità di gas a effetto serra. Quando poi è in uso, utilizza l’energia solare e la trasforma in energia elettrica, sostituendosi all’energia termoelettrica (carbone etc). Ecco, grazie all’energia pulita che ha prodotto in questi anni, i pannelli hanno probabilmente già estinto il debito delle emissioni di gas serra che avevano prodotto per la loro stessa produzione.

Secondo Michael Liebreich, il presidente di Bloomberg New Energy Finance, presto entreremo in un’era dove il fotovoltaico sarà l’energia low cost. L’anno scorso era stato l’anno dell’eolico, che aveva sorpassato il carbone: nelle sue scientifiche previsioni, questo sarà l’anno del sorpassone dell’energia solare.

 

 

FacebookTwitterGoogle+Condividi

No comments so far.

Lascia un commento