La coppia Brangelina mi è sempre stata antipatica, troppo belli, troppo buoni, troppi figli, troppi castelli, troppo glam ma faccio-finta-che-no.
Brad invece mi piaceva quando si era sposato Jennifer, poi avrei voluto che non mi piacesse più per quella scelta banale e scontata di mollare la moglie per quella bonazza di Angelina Jolie, ma purtroppo mi ero abituata a pensarne bene e l’ho perdonato.
In ogni caso, #TeamJennifer.
Non solo perché Jennifer, nel sistema Hollywood riportato in terra, potrebbe essere una di noi, e non solo perché Friends è l’unica serie che mi sono vista dalla prima puntata all’ultima per due volte e mezzo, ma soprattutto perché Jennifer ogni volta che guardava suo marito aveva negli occhi quello sguardo tra l’incredulo (ma come avrò fatto…) e l’orgoglio incontenibile (guardate che manzo mi è capitato), se lo portava in giro tipo trofeo. Nelle foto lui sorride, lei è pazza di gioia. A me piaceva vederla così su Vanity Fair.

E poi questa mattina arriva la notizia che Brad ha alzato la cornetta e ha chiesto scusa a Jen per averla piantata in asso, averla tradita praticamente in mondovisione e averle infine spezzato il cuore. Dopo dodici anni e qualche mese di terapia, dopo essere stato a sua volta scaricato.
Dodici anni. Dodici anni, Brad…

cane.

Pare però che Jennifer abbia apprezzato, lo abbia perdonato (anche lei) ma soprattutto – fonti vicine dicono – che gli abbia consigliato di concentrarsi sul futuro.
Grazie, ma passi lunghi e ben distesi, insomma.

Che simpatica Jennifer, e che classe!

Life and Style Magazine, che ha sganciato la notizia del perdono, sostiene che «Brad si è scusato per averle spezzato il cuore. Di solito lui non si apre così, ma grazie alla terapia e al periodo di riabilitazione, ha imparato a esprimere i suoi sentimenti. Ha affrontato tutto il dolore che le ha causato». Ammazza, ma quello andava in giro ad adottare bambini e ha la capacità emotiva di un coccodrillo.

Quindi, anche se siete belli come Brad Pitt, non aspettate tre olimpiadi per dimostrare un minimo di empatia a chi avete ferito, che per le scuse forse non è mai troppo tardi, ma uscirne bene non è da tutti.
Solo Fonzie può.

FacebookTwitterGoogle+Condividi

No comments so far.

Lascia un commento