Il nome dice tutto: Radio Uao. Uao, come l’esclamazione di stupore di bambini e infatti, proprio a loro, sono dedicate le frequenze di questa web radio.

Un progetto unico nel suo genere – non esistono radio simili praticamente da nessuna parte – che nasce dall’idea tutta italiana (per l’esattezza aretina) di Marco Casini, 40 anni.

“Papà, perché non canti insieme a me? Non conosci le canzoni?”. Quando una dei cinque figli di Marco gli ha fatto questa domanda quasi un anno fa non sapeva che avrebbe acceso la scintilla necessaria a scatenare in suo padre l’idea che lo avrebbe portato al successo. Ma in fondo è sempre così, i progetti migliori nascono in un attimo, travolgendo la nostra realtà quando meno ce lo aspettiamo.

«Quel pomeriggio piovoso di agosto – ci ha raccontato Marco – io e mia figlia Ryta eravamo andati a una festa di paese, sorpresi da un temporale estivo siamo dovuti correre in macchina. Chiusi lì dentro, per spezzare la noia, ho messo il classico cd per bambini che ogni genitore ha nella sua auto. Quando Ryta ha smesso di cantare e mi ha fatto quella domanda mi si è come accesa una lampadina e mi sono chiesto una cosa altrettanto banale : perché non esiste una radio per bambini?». Alla semplice domanda Marco si è dato una semplice risposta: la faccio io.

radio-uao

Nasce così Radio Uao, un portale web con un palinsesto pensato per i più piccoli che, tutti i giorni e per tutto il giorno, trasmette musiche, canzoni, filastrocche, storie, attività e giochi volti a far vivere momenti di divertimento e di intrattenimento per tutta la famiglia.

Con il supporto di Lorenzo Ghignone, che ha curato i disegni del sito, e di Tommaso Mercati come voce della radio e come direzione artistica e con l’aiuto di Giovanni Brezzi e lo staff della web-agency Whitedrop, Radio Uao è riuscita a nascere in meno di un anno e ad essere già un vero successo. Ascoltata in Italia e all’estero è anche già in finale per tre categorie (Miglior Radio Online, Miglior Sito per Genitori e Bambini, Miglior Start Up Italiana) ai Macchia Nera Internet Awards, gli Oscar del web.

«L’obiettivo di Radio Uao – ha spiegato Marco – è quello di creare una realtà, seppure virtuale, capace di far scoprire o riscoprire il mondo dei bambini, disegnandolo e giocandoci insieme a loro. È nata per i bambini, ma è anche un ottimo strumento per genitori, zii, nonni, insegnanti e per chiunque sia interessato a loro mondo». Un luogo per condividere esperienze e creatività, il sito e la pagina Facebook sono infatti costantemente arricchiti da sezioni dedicate alla promozione di corsi ed eventi per passare il tempo libero con i bambinio alla cucina con le ricette da preparare insieme a loro. Ogni utente potrà contribuire alla crescita del sito attraverso un’interfaccia semplice e intuitivo che permetterà di implementare i contenuti inviando, ad esempio, disegni, ricette, barzellette e tanto altro materiale.

Non vi resta che sintonizzarvi e scoprire Radio Uao in tutte le sue sfaccettature. Non resterete delusi.

 

FacebookTwitterGoogle+Condividi

No comments so far.

Lascia un commento