La Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (SERR), è un’iniziativa volta a promuovere la realizzazione di azioni di sensibilizzazione sulla sostenibilità e sulla corretta gestione dei rifiuti in Europa, coinvolge enti pubblici, imprese, società civile e cittadini.
Ogni anno la SERR propone un tema legato alla prevenzione dei rifiuti: il 2016 è l’anno dedicato in particolare alla riduzione dell’impatto degli imballaggi, tramite la diminuzione, il riuso ed il corretto riciclo. Tutti i partecipanti, ognuno con le sue possibilità e competenze, realizzeranno mostre, laboratori, incontri e quant’altro sia utile alla promozione del rifiuto come risorsa, nell’ottica di una sempre più auspicabile un’economia circolare.

Gli appuntamenti di questo fine settimana sono tanti, basta controllare la pagina Facebook della SERR o il sito ufficiale per controllare regione per regione ogni singolo evento.

Noi di Pollyanna abbiamo scelto di parlarvi del Mercato Circolare dei Giacimenti Urbani che si svolge fino al 27 novembre alla Cascina Cuccagna. Un po’ perché siamo tutte milanesi, chi più chi meno, un po’ perché con questo evento si mettono in relazione due bellissime realtà meneghine da scoprire. Non solo durante questo fine settimana.

L’Associazione “Giacimenti urbani”, fondata sui principi di cooperazione, rispetto per l’ambiente, del territorio e delle persone, ha come scopo lo sviluppo del “Circuito delle attività virtuose” atto a facilitare e a mettere in relazione i soggetti che svolgono un ruolo attivo nella promozione del vivere sostenibile, attraverso un corretto uso dell’energia, della riduzione dei rifiuti, della mobilità dolce e tutti gli stili di vita coerenti con questo obiettivo. Elementi fondanti sono l’uso di energie rinnovabili e l’efficienza energetica, la cultura del riuso, del riciclo e della riparazione, ma anche tutte le idee e i progetti che riducono la produzione di CO2, contrastando il cambiamento climatico e favorendo la coesione sociale.

La Cascina Cuccagna è una delle più antiche cascine agricole milanesi, nascosta tra i palazzi di Corso Lodi, alle spalle di Porta Romana.  Esempio di recupero di un bene storico grazie ad un progetto di rigenerazione nato dal basso, la cascina è stata riaperta al pubblico nel 2012, a seguito di un attento restauro conservativo, realizzato e interamente finanziato da un gruppo di associazioni e cooperative sociali.  Oggi è un amatissimo punto d’incontro, uno spazio aperto alla cittadinanza, dove prendono vita attività e progetti legati alla valorizzazione di stili di vita sostenibili, all’alimentazione, a produzioni e consumi consapevoli, al riuso e al riciclo, alla riscoperta di saperi.  Cascina Cuccagna è un vero e proprio avamposto agricolo in centro città, in grado di far rivivere, negli stili di vita e nelle pratiche quotidiane, la relazione vitale tra città e campagna. Un luogo da scoprire, frequentare e di cui prendersi cura.

Se domani siete a Milano vi consigliamo di farci un salto perché proprio per la SERR il programma che unisce queste due realtà è interessantissimo.

Fino al 27 novembre si svolgerà infatti il  Nuove idee per nuovi stili di vita, mercato pre-natalizio con i soci di Giacimenti Urbani. Due giorni per scoprire l’attività e i prodotti di chi lavora nel rispetto dell’ambiente, della riduzione degli sprechi e dell’economia circolare. Dai prodotti sfusi, le fibre vegetali e i materiali biodegradabili, fino al riuso creativo (dagli abiti ai gioielli e ai complementi d’arredo), i restart-party (riparazione collettive di oggetti) e la trasformazione degli abiti.

(Un evento alla Cascina Cuccagna)

(Un evento alla Cascina Cuccagna)

Da visitare anche la mostra Growing Materials, crescere materiali sostenibili, curata dal network Nuup, Una riflessione su nuovi materiali di derivazione organica, attraverso le sperimentazione del network e di giovani designer della NABA (Nuova Accademia di Belle Arti) e realizzate all’interno del corso Materiali e nuove tecnologie per l’innovazione del progetto, a cura della docente Barbara Pollini, co-fondatrice Nuup. Una collezione di materiali emersi dalla ricerca di Nuup e una selezione di progetti sviluppati dagli studenti NABA, suddivisi in 4 macrocategorie: materiali ottenuti da fondi di caffè, materiali di derivazione vegetale, materiali di derivazione animale, materiali autogenerativi, creati cioè a partire da organismi vivi come funghi, alghe e batteri, nutriti con scarti dell’agroindustria e in grado di dare vita a materiali biocompatibili.

Oltre ad invitare un pubblico di professionisti e studenti del settore Design, la mostra è aperta a tutti coloro che sono interessati al mondo della creatività sostenibile, che potranno partecipare ai workshop “Bioplastiche DIY” (dalle 16 alle 17), “Riuso creativo dei Popcorn” (dalle 11 alle 12).

Non perdete l’occasione di scoprire queste eccellenti realtà italiane e di prendere spunto per fare la propria parte per migliorare questo mondo.

FacebookTwitterGoogle+Condividi

No comments so far.

Lascia un commento