A San Francisco, città sempre all’avanguardia sui diritti degli esseri umani, è stata introdotta una nuova legge che questa volta protegge gli animali: nei negozi non sarà più possibile vendere cani e gatti che non provengano da canili o randagi e che abbiano età inferiore alle 8 settimane.
Gli scopi di questo provvedimento sono:
– marginare la tratta dei cuccioli di razza, che come per le tratte umane finiscono spesso in tragedia,
– abolire la realtà delle “cagne incubatrici”, chiuse in gabbia tutta la vita e utilizzate solo per partorire cuccioli. Un po’ come per le mucche che mangiamo e il latte che beviamo.
Ridurre i cani e i catti abbandonati in cerca di una casa e un padrone.

Chi volesse acquistare un cane o un gatto di razza potrà invece rivolgersi esclusivamente agli allevamenti autorizzati, poiché è stata abolita anche la vendita online.
Katy Tang, il supervisore che ha proposto la legge, dichiara: «Pensiamo che questa decisione darà un grande messaggio non solo per San Francisco ma per la California, per la nazione e forse per tutto il mondo. Questa ordinanza servirà come deterrente, impedendo un business gestito da allevatori irresponsabili che sfornano cagnolini e gattini come se fossero in una catena di montaggio».

E qui?
Se volete un cane o un gatto a cui dare una casa, cibo e affetto, potete cercare nei canili più vicini a voi o rivolgervi al veterinario di zona. Se invece non volete dargli una casa, ma solo cibo e affetto, potete rivolgervi a un’associazione per le adozioni a distanza, tipo questa. Farete comunque un po’ più felice un animale abbandonato.

 

 

FacebookTwitterGoogle+Condividi

No comments so far.

Lascia un commento